KXIP vs KKR Live Score

La notizia del passaggio Leonardo Bonucci dalla Juventus al Milan è arrivata veramente a sorpresa per tutti.

Spunta sui social una foto di Bonucci con dei tifosi rossoneri mentre mima la sua famosa esultanza: è arrivato il momento di "sciacquarsi la bocca" quando si parla del Milan.

Auspichiamo che i tifosi possano accettare quanto prima la decisione di Bonucci di andare al Milan e che continuino a portare alto il nome e la gloria della vecchia Signora con l'eleganza e lo stile che contraddistinguono la squadra di Torino. Episodio che ricorda la famosa legge del contrappasso dantesca. Con la conseguenza che, in caso di arrivo del 'Gallo', il Milan non potrebbe più nascondersi nel puntare non ad un piazzamento Champions, ma direttamente allo scudetto dopo sei anni di dominio Juve. Ma anche Cardiff si rivelerà fatale per la Juventus che perde il trofeo ai danni del Real Madrid, disputando non 90 minuti, ma solo 45. Ma il difensore un po' di cuore bianconero che l'ha ancora tanto da comprare una intera pagina de La Gazzetta dello Sport per ringraziare la Juve e i sui tifosi, oltre che dire addio alla sua squadra. Le bandiere? L'ultima è stata ammainata giorni fa, non esistono più, si deve rivedere questo concetto. E' un ottimo attaccante, anche giovane e la Juventus nonostante un reparto offensivo molto importante sa gestire i suoi giocatori. Non sono da meno, invece i problemi con Vidal, Dybala e, per l'appunto, Bonucci. "Ci siamo migliorati, sostenuti e trovato un feeling insieme a Gigi e Giorgio che mai avevo provato". Sette stagioni di vittorie, di sogni realizzati, di crescita avvenuta attraverso un legame empatico ed eccezionale con la Juve, nella sua assoluta interezza. Rimane certo il rammarico grandissimo per non aver vinto la Champions, maggiore però è l'orgoglio per i successi ottenuti e per aver fatto parte di una grande Famiglia. "Ho ricevuto, dato e imparato", ha scritto Bonucci. Conclude dicendo che quello che vede voltandosi indietro è una splendida storia che si conclude con rispetto e affetto, senza intaccare quello che ha vissuto con il Capitano, la società, i compagni e soprattutto i tifosi.

Dopo l'incontro durato più di due ore, il centrale della Nazionale ha saluto la folla che lo aspettava, alzato il braccio con il pollice alzato e firmato qualche autografo.


COMMENTI