KXIP vs KKR Live Score

Vivendi non ha depositato le azioni per partecipare all'assemblea Mediaset. Le due società che fanno capo alla famiglia Berlusconi hanno chiesto di accertare e dichiarare la violazione da parte di Vivendi del divieto di acquisto di azioni di Mediaset, in considerazione dei termini del contratto firmato ad aprile 2016 e, dunque, di sancire la nullità degli acquisti di azioni di Mediaset, anche alla luce della violazione delle norme antitrust accertate dall'Agcom.

Secondo il fondo Amber, "oggi è necessario rendersi conto che il mondo è cambiato, i concorrenti sono cambiati e pensare di poter affrontare con le stesse persone di 30-40 anni fa la concorrenza digitale è molto, molto difficile e si rivelerebbe una decisione perdente".

A oggi Fininvest detiene il 39,53% del capitale (41,09% del capitale avente diritto di voto), nonché azioni proprie pari al 3,795% del capitale senza diritto di voto. Il manager ha aggiunto che ci sono comunque "buoni rapporti" con Mediaset e che si tratta di "un'azienda non solo rispettabile, ma anche con un buon posizionamento di mercato".

Il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, ha rimarcato l'intenzione del gruppo di perseguire i suoi obiettivi di crescita: "non sono escluse acquisizioni come non sono escluse le cessioni di attività non core". "Non arretreremo sul piano della difesa legale e nella tutela dei nostri interessi - ha proseguito - è evidente che risolvere questo grave contenzioso è per noi una priorità assoluta". Su Vivendi, Confalonieri ha detto che l'obiettivo dei francesi, probabilmente già dall'inizio, era scalare Mediaset passando prima per Premium. Pur evidenziando le modalità "poco ortodosse" di Vivendi e l'"errore di valutazione" sul caso Premium, il rappresentante del fondo, Arturo Albano, ha invitato infine il management di Cologno Monzese ad un cambio di passo con "nuove strategie".

Per quanto riguarda la serie A "non abbiamo partecipato perché era inaccettabile la composizione dei pacchetti, come abbiamo fatto pesare sia alla Lega che all'Antitrust". "In autunno è prevista una nuova asta per i diritti tv della Serie A. Mediaset parteciperà con l'obiettivo di ottenere la migliore offerta televisiva calcistica per i tifosi italiani".

Il gruppo, inoltre, "è disponibile a ragionare con altri operatori delle torri per fare operazioni capaci di creare valore", ha detto ancora Confalonieri, che poi, in riferimento al fallimento dell'aggregazione tra la controllata Ei Towers e Rai Way, ha precisato: "Chi ci ha fermato è stato il Governo, che ha stabilito che la maggioranza doveva rimanere pubblica". Mediaset è tornata in utile nel primo trimestre 2017.

Tuttavia per il socio Amber (2,5%) restano ancora sul tavolo diverse incognite sul futuro di Mediaset.


COMMENTI